Pizza della primavera

Oggi ho preparato una pizza che ho chiamato la “Pizza della primavera”. Mi sono lasciata trasportare da quello provo durante la primavera e mi sono organizzata per avere un po’ di ingredienti in casa.

Le stagioni

Nelle zone tropicali ci sono solo due stagioni, la stagione delle piogge e la stagione secca. Hanno le loro peculiarità e il loro fascino le emozioni che sono riuscita a vivere grazie all’avvicendamento delle stagioni dei climi temperati, ha una varietà che non ho trovato altrove.

Si va dal freddo al caldo, dalla neve al sole cocente, dalle foglie che cadono ai fiori che sbocciano… Ci sono frutti particolari in ogni stagione e profumi particolari tipici ogni volta.

Da quando sono arrivata in Italia, la primavera è sempre stata una stagione per iniziare a fare qualche giretto. Si va al mare, o al lago, o alla montagna. Ci si ritrova per una grigliata in campagna o per una passeggiata lungo un fiume.

E poi c’è la cultura italiana, dove ogni stagione ha le sue ricette e dove ogni regione, ogni città ha le proprie tradizioni. Avevo mangiato delle pizze anche in africa ma senza affezionarmene particolarmente. Quando ho mangiato la vera pizza italiana ho capito perché tutto il mondo ne va matto.

La condivisione

Durante gli anni di studio capitava che, tra compagni, durante la pausa, si ordinasse una pizza da condividere assieme. La pizza è anche questo. È condivisione e stare assieme. Sembra un piatto creato proprio per essere condiviso.

Ho preparato una pizza particolare, utilizzando lievito madre e una farina semintegrale macinata a pietra.

Per preparare la “Pizza della primavera” ’ ho lasciato lievitare l’impasto 36 ore in frigorifero e poi qualche ora fuori. Ho farcito con mozzarella, pomodori secchi, code di mazzancolle, broccoletti saltati e poi ho aggiunto dei listarelli di peperoncino piccante. Il peperoncino, dosato con precisione, fa legare molto bene i gamberetti con i broccoletti. 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email